Passeggiate ed escursioni

Limone sul Garda - estate 2012 da Giugno a Settembre - Passeggiate ed escursioni con accompagnatore, organizzate gratuitamente dal Gruppo Alpini di Limone. Passeggiate ed escursioni non si effettuano in caso di maltempo.
INFO: Uffici Informazioni,

  • Parking Caldogno, via IV Novembre, 29/L tel. (+39) 0365 918987, fax (+39) 0365 954720.
  • Piazzetta Erminia tel. (+39) 0365 954 265

(pdf file)


  • Alla Baita Bonaventura Segala
    RITROVO: Piazzale autobus Bar Turista ore 8.00
    RIENTRO ore 17.00
    PERCORSO: difficile
Partendo dall'Ufficio Informazioni, di fronte al bar Turista, si procede lungo via Caldogno e si superano le località Molino e Milanesa; oltrepassato il ponticello sul torrente, si continua lungo la mulattiera, contrassegnata con il n. 101. Dopo l'erta del Murél, al bivio (m. 750 s.l.m.) si continua a destra per "Baita Bonaventura Segala". II sentiero sale, prima, abbastanza deciso, poi più dolcemente, a zig-zag, tra una vegetazione fitta; quasi sulla sommità di Cima Mughéra (m. 1.161), deviando provvisoriamente a destra per un centinaio di metri, si può arrivare ad un poggio da cui si gode uno stupendo panorama su Limone e sul lago. Lungo la stradina militare n. 422 del CAISAT, dopo alcuni saliscendi si è in località Fortini (m. 1.250), alla baita Segala. Eretta nel 1975 dal Gruppo ANA di Limone sul Garda, sui ruderi di una costruzione militare della Prima Guerra Mondiale, è un bivacco assai confortevole, ci si può fermare e rifocillare. II ritorno a Limone può avvenire lungo i sentieri che portano a malga Dalò, in località Pré; sempre in discesa lungo il n. 101 si arriva al punto di partenza. Sono necessarie scarpe e indumenti da montagna.
Un piatto di pasta, cucinato presso la Baita "Bonaventura Segalà; verrà offerto dal Gruppo Alpini.
  • Sul sentiero del sole
    RITROVO: Piazzale autobus "Bar Turista; ore 9.00
    RIENTRO: ore 12.00
    PERCORSO: facile
Partendo dall'Ufficio Informazioni, di fronte al bar Turista,  si scende in centro lungo via Porto, via Nova e via Reamòl si arriva fino ad un piazzale sulla Gardesana. Attraversata la strada statale, si imbocca il sentiero, circondato da pini, lecci e cipressi, con tracce delle fortificazioni che i soldati tedeschi costruirono durante il 1943-45. Sull'argine del vallone ghiaioso, si prende a sinistra, salendo dolcemente a zigzag fino a collegarsi col sentiero n. 12Z che va a punta Larici e malga Palàer.
Dal Dòs dela tèra (m. 240 s.l.m.) si arriva ad una calchéra, caratteristico forno da calce, e si prende a sinistra, lungo un tratto in leggera discesa, fino ai piloni di sostegno delle reti paramassi. Si gira a sinistra, ancora in direzione nord: si incontrano l'imbocco di un rifugio antiaereo e, in corrispondenza, una trincea, poi si sale dolcemente, fino ad una postazione della Grande Guerra da cui si domina Torbole.
Per ritornare verso il centro si percorre per un tratto lo stesso itinerario dell'andata, poi si imbocca il sentiero tra i sassi, si attraversa un terrazzo di olivi e si è al parcheggio dell'albergo Panorama, imboccata via Reamòl ci si porta comodamente in piazza Garibaldi.
  • Passeggiando tra gli olivi
    Passeggiate ed escursioni con accompagnatore
    Non si effettuano in caso di maltempo
    RITROVO: Pianale autobus "Bar Turista; ore 9.00
    RIENTRO: ore 12.00
    PERCORSO: molto facile
Partendo dall'Ufficio Informazioni, di fronte al bar Turista, si scende in Piazza Garibaldi si procede sul lungolago e poi sulla spiaggia, oltrepassando il corso del torrente San Giovanni e il Campeggio Garda fino ad Nanzèl, da dove si sale per un breve tratto lungo l'argine sinistro del torrente Pura. Tra gli olivi delle località Pós e Canù si raggiungono la chiesetta di San Pietro, del sec. VIII, e il Tesól, con la casa natale del Santo limonese Daniele Comboni (1831-1881).
Dopo la visita, si continua, comodamente lungo via Campaldo per l'oleificio della Cooperativa Possidenti Oliveti e per il centro.

Powered by AgileSoft