Lago di Garda : Percorsi Trekking

Escursioni e Trekking intorno al Garda - Al Monte Altissimo dai Prati di Nago
Dal parcheggio appena prima della sbarra si continua sul segnavia 601 alzandosi ad attraversare il fianco sud-est del Monte Varagna; si passa quindi per la Sella sud (1748 m.) e si prosegue fino alla sommità del Monte di Nago (40 min.). Il sentiero attraversa un pianoro e porta ai piedi del Monte Altissimo (25 min.) consentendo una vista sempre più ampia sull'alto Garda e sui monti circostanti. Dopo un altro tratto di salita abbastanza impegnativa su terreno anche roccioso, si giunge alla sommità (40 min.), dove si trovano una chiesetta, un osservatorio e il rifugio "Damiano Chiesa" (2.060 m.), aperto da luglio a settembre.
Per il ritorno si segue il sentiero 622 lungo il crinale est, con resti di opere belliche del 1915-18, scendendo a Bocca Paltrane (1831 m.), dove si gira a sinistra su una mulattiera militare per la Val del Paröl. Transitati davanti ad un muro (55 min.), si continua lungo un sentiero, prima tra i mughi poi in una faggeta. Per i prati si giunge al bivio 624-601 a quota 1.720 già toccata all'andata (20 min.); con il segnavia 601 si torna al punto di partenza.

Il rifugio alpino "Damiano Chiesa" sul Monte Altissimo
I lavori di costruzione di un primo rifugio sull'Altissimo (m. 2.060) presero il via nel 1888 per iniziativa di alcuni soci della S.A.T. di Rovereto e Brentonico. La struttura fu inaugurata il 6 giugno 1892, attirando via via un crescente numero di alpinisti ed escursionisti. Ampliato nel 1905, fu presidio delle truppe italiane nel corso della Grande Guerra, ma non subì danni; riaperto nel 1919, fu intitolato al patriota trentino Damiano Chiesa. In affidamento fino agli anni '50 alla S.A.T. di Rovereto, passò successivamente alla Sezione di Brentonico e, dal 1965, a quella di Mori, che ne ha curato i recenti lavori di adeguamento ed ampliamento (1995).Nel 1988 in prossimità del rifugio è stato inaugurato il punto panoramico, con l'indicatore delle cime circostanti, intitolato ai baroni Argia e ad Ugo Salvotti.
Posti letto n. 20; locale invernale con posti letto n. 6.
Tel. 0464.520664 e 0464.867130

Avvertenze
- Il periodo obbligatorio di apertura dei rifugi S.A.T. è dal 20 giugno al 20 settembre; i rifugi possono essere aperti anche in altri periodi dell'anno, in particolare nei week end e nel periodo primaverile.
Per informazioni sui rifugi S.A.T. rivolgersi direttamente ai custodi, alle Sezioni oppure a S.A.T. OC: tel. 0461.981871 - fax 0461.986462.

info
Partenza: Prati di Nago (1.560 m.)
Arrivo: Prati di Nago (1.560 m.)
Dislivello totale (andata/ritorno): 1.000 m.
Tempo: ore 3.15
Difficoltà: (E) = Escursionistico. Itinerari che si svolgono su sentieri o su tracce, generalmente segnati, anche lunghi, con tratti anche esposti, ma ben protetti. Sono percorsi che richiedono già un minimo di esperienza ed allenamento.
Epoca: maggio-novembre
Cartografia: Kompass n. 071, 096, 101, 102 e 690
Accesso: dalla S.S. n. 240 a Nago, indicazione per il Monte Baldo, in auto per strada asfaltata fino ai Prati di Nago e alla sbarra (13,7 km da Nago); parcheggio.



Testo: Domenico prof. Fava


Consigli utili
Un'escursione in montagna o il trekking è avventura, un esperienza da vivere a contatto con la montagna e la natura circostante. Dato che alcuni percorsi potrebbero rivelarsi difficoltosi per un escursionista o un alpinista non preparato, si raccomanda prudenza.
Abbigliamento:
non esagerato e sempre adatto alla stagione tenendo conto del tipo di escursione, della quota e del tempo, che in montagna può variare molto velocemente. Nello Zaino occhiali da sole, cappello, abbigliamento di ricambio (dalla maglia ai calzini), giacca impermeabile con cappuccio (l' abbigliamento di ricambio va comunque considerato se pesante o leggero secondo della stagione in corso).
Attrezzatura:
oltre ovviamente alle scarpe adatte, da montagna o da trekking, si raccomanda di portare con se una borraccia d'acqua o altra bevanda, materiale per primo soccorso, cartine geografiche, un coltellino multi-funzionale,
Sicurezza:
avvisate sempre qualcuno della vostra escursione e, in mancanza di familiari o amici rivolgetevi alla reception del vostro residences o albergo. Un... telefono cellulare comunque può fare ed aiutare molto.

Queste misure, potrebbero risultarVi eccessive ma in montagna è facile andare incontro a dei rischi, quindi ricordatevi di prevenire con saggezza questi inconvenienti.

Limone sul Garda Limone sul Garda Limone sul Garda Limone sul Garda Limone sul Garda
Powered by AgileSoft